Indian Motorcycle

L’azienda venne fondata da George M. Hendee e Carl Oscar Hedström, entrambi appassionati ciclisti, che studiarono e progettarono il loro primo modello dotando un telaio ciclistico di un propulsore monocilindrico erogante 1,75 hp. I primi esemplari venduti risalgono al 1901, pertanto riconosciuto ufficialmente come anno di nascita della Indian, facendone quindi la più antica casa motociclistica americana. Tra l’altro nel 1902 con una Indian Hedstrom conseguì il record di velocità mondiale a 56 mph. Il successo arrise subito alla nuova compagnia e la produzione passò dai 500 esemplari circa del 1904 agli oltre 32.000 costruiti nel 1913, rendendola la principale Casa statunitense (primato perso al termine della prima guerra mondiale a favore della principale concorrente, la Harley-Davidson). Nel 1907 venne presentato il primo bicilindrico a V al fine di aumentare coppia e potenza, mentre l’azienda continuava a collezionare numerosi successi in gara e record di vario tipo come quello ottenuto nel 1914 da Erwin “Cannonball” Baker che attraversò gli Stati Uniti d’America da San Diego a New York in soli 11 giorni 12 ore e 10 minuti. Nel frattempo la fama della Indian varcò l’Atlantico grazie ai successi sportivi, tra cui c’è da rimarcare quello del Tourist Trophy dell’Isola di Man del 1911 dove ottenne una storica tripletta. Un aneddoto riporta a titolo di curiosità che le motociclette erano sprovviste di freno anteriore, seguendo le opinioni americane del tempo sulla loro pericolosità. Sempre negli anni dieci vide la luce un modello di successo, la Powerplus, sempre nella configurazione a V con valvole laterali, che venne venduta sia in patria che all’estero. Gli anni a cavallo della prima guerra mondiale furono però anche quelli che modificarono profondamente l’azienda con il ritiro dei due fondatori; Hedstrom lasciò l’azienda nel 1913 seguito dall’ex socio Hendee che la lasciò nel 1916.

indian2 indian1